"Medicina news"

//

  • Multiple myeloma and related malignancies

    a cura di Marina Basile

    Il mieloma multiplo è un tumore del sangue che ha origine nel midollo osseo. Circa il 25% delle diagnosi avviene “per caso”, in seguito ad indagini cliniche di laboratorio effettuate per altri motivi.

    Fino ai due terzi dei malati presenta dolore osseo, in particolare alla schiena, al momento della diagnosi e circa il 75% mostra fratture ai raggi. Sono sintomi debilitanti con un impatto significativo sulla qualità di vita. Accade che queste persone possano avere difficoltà a camminare, fare le scale e talvolta non possono più guidare l’automobile. La diagnosi precoce è difficile, perché molti pazienti non presentano sintomi fino allo stadio avanzato della malattia.

    Per fortuna negli ultimi 10 anni significativi progressi nella comprensione della fisiopatologia del mieloma multiplo e delle relative malignità hanno portato all'adozione di nuove terapie efficaci e sicure che hanno apportato importanti novità in campo biologico e clinico e questo ha consentito che la sopravvivenza nel mieloma multiplo si sia quintuplicata, passando da 2 a 10 anni.

    L’incontro internazionale, organizzato da i Proff. Angelo Vacca, Pellegrino Musto e Roberto Ria, con il patrocinio dell’Università degli studi di Bari “A. Moro”, la Società Italiana di Ematologia (SIE), la Società Italiana di

    Read More
  • La teoria prevalente

    Nel 2018, sono stati diagnosticati in Italia circa 373.000 nuovi casi di tumore maligno, di cui circa 194.000 negli uomini e 178.000 nelle donne. Complessivamente, in Italia, circa 1.000 persone ricevono ogni giorno una nuova diagnosi di tumore maligno.
    La teoria prevalente, formulata alla metà del secolo scorso, interpreta la neoplasia come un insieme di circa 200 malattie caratterizzate da un’abnorme crescita cellulare, svincolata dai normali meccanismi di controllo dell’organismo. A causa di questa variegata costituzione, molteplici sono ormai diventate le metodiche di diagnosi (precoce e non) di quella “malattia” che oggi costituisce la seconda causa di morte (29% di tutti i decessi), dopo le malattie cardio-circolatorie (37%).

    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10